home pagebiologia marinaclassificazione degli organismii vertebrati-l'ambiente marinonodi e non solofotosubpesci mar Rossopesci mare Mediterraneole immersioni

 

 

 

 

pesci del mar Rosso

 
 
aquila di mare

Nome comune: Pastinaca
Nome scientifico:
Dasyatis brevi caudata
Famiglia:
Dasyatidae

 

pastinaca 

 

La pastinaca liscia, Dasyatis brevicaudata, è una pastinaca della famiglia Dasyatidae distribuita lungo le coste africane dell'Oceano Indiano e nelle acque dell'Australia e della Nuova Zelanda. Predilige i fondali sabbiosi, detritici e limosi della zona intercotidale sino ad una profondità di 470 metri.

Gli adulti possono raggiungere una larghezza di oltre 2 metri, una lunghezza di 4,3 metri e un peso superiore ai 350 chili. La coda è molto robusta in prossimità del corpo e presenta uno o più aculei veleniferi in grado di infliggere gravi ferite, nonostante sia un pesce poco aggressivo. La colorazione del dorso varia dal grigio-marrone al bluastro, mentre il ventre è di colore chiaro. È piuttosto comune sui fondali sabbiosi delle acque costiere, dei porti, delle baie e delle scogliere. Spesso, con l'arrivo dell'alta marea, decine di esemplari di questa specie si riuniscono in grandi gruppi. Si nutre prevalentemente di piccoli pesci, gronghi, bivalvi, crostacei ed altri invertebrati bentonici. È una specie ovovivipara.

Sono caratterizzati dal corpo piatto romboidale, grandi pinne pettorali a forma di ali, coda sottile e lunga, occhi posti sul dorso, bocca ventrale. Si differenziano dalle "cugine" razze della famiglia rajidae per la presenza dell'aculeo velenoso sulla coda, il quale produce l'ittioacantossina e provoca effetti simili alla cancrena e al tetano.

Alla radice dell'aculeo si trovano due ghiandole velenifere che secernono una sostanza composta dagli enzimi 5-nucleotidasi e fosfodiesterasi, che distruggono le cellule, e da serotonina, che provoca contrazioni muscolari. L'azione di tale cocktail è necrotizzante e a questo si unisce la possibilità di infezioni batteriche anche severe. A seconda della zona colpita dall'aculeo, il decorso può arrivare ad essere mortale

L'aculeo generalmente si spezza e rimane nella ferita: per l'animale non è un grave danno, poiché ricresce con una velocità di circa 1-1,5 centimetri al mese.

balestra picasso
balestra titano
barracuda
carango
cernia dei coralli
cernia pavone
manta gigante
murena gigante
murena grigia
pastinaca
pesce angelo imperatore
pesce angelo maculato
pesce angelo reale
pesce chirurgo shoal
pesce coccodrillo
pesce falco
pesce farfalla auriga
pesce farfalla bandiera
pesce farfalla mascherato
pesce istrice
pesce napoleone
pesce occhio grosso
pesce pagliaccio
pesce palla
pesce pappagallo
pesce pipistrello
pesce scatola
pesce scoiattolo
pesce scorpione
pesce unicorno
pesce vetro
torpedine marmorata
trigone a macchie blu